IL FILORUSSO TRUMP CI PORTERA’ ALLA GUERRA CONTRO LA RUSSIA? di Alfonso Navarra

Il fatto che i Cruise contro l’aeronautica militare di Assad siano partiti da portaerei americane della VI Flotta con comando a Napoli lo mette in rilievo: l’Italia, in una vasta area che dal Medioriente e Nordafrica arriva fino al Mar Nero, è una fondamentale piattaforma di lancio della strategia militare Usa/Nato che coinvolge contraddittoriamente gli appetiti “energetici” degli ex imperi europei.
Gli Stati Uniti e gli alleati europei della Nato sono responsabili di una situazione di conflitto sempre più pericolosa, provocata dal fallimento delle “primavere arabe” (eccetto che in Tunisia) che sta conducendo, con l’intervento determinante di aggressioni militari “esterne”, all’esplosione di Stati a loro tempo costruiti a tavolino da patti coloniali anglo-francesi sulle rovine dell’Impero Ottomano o sulle avventure del colonialismo italiano in Africa (vedi Libia).
La loro azione si innesta su conflitti religiosi millenari (il contrasto sunniti-sciiti) e su più recenti contrasti nazionalistici tra arabi e persiani, etnie arabe e Stati arabi, arabi contro israeliani (derivanti dal sionismo installato in Palestina dall’imperialismo inglese).
I gruppi terroristi come l’ISIS (quest’ultima costituita in gran parte da ex ufficiali dell’esercito di Saddam Hussein dismesso) sono strumentalizzati in parte da potenze straniere (in particolare godono della complicità della Turchia contro i Kurdi e del finanziamento dell’Arabia Saudita e altre monarchie del Golfo) ma la loro ideologia ed il loro progetto politico ha basi indipendenti, così come le Brigate Rosse in Italia, pur con le loro infiltrazioni, non erano una invenzione della CIA ma sostanzialmente autonome.
Ad aumentare ulteriormente il caos conflittuale, pagato duramente e sanguinosamente soprattutto dalle popolazioni civili, si pone l’intervento russo a sostegno del regime di Assad, e volto a sostenere ambizioni oltretutto esagerate da Grande Potenza che però non ha base economica (a parte la produzione di combustibili fossili).
Il ruolo di Putin a fianco dell'”asse sciita” in Medio Oriente non è un ruolo difensivo e di pace (che senso ha una flotta militare russa nel Mediterraneo) ma aggiunge violenza a violenza in un contesto degradato in cui, per così dire, “il più pulito ci ha la rogna”.
Un effetto collaterale dell’attacco missilistico del neopresidente USA Trump è comunque la pietra tombale sulla prospettiva di collaborazione USA e Russia “contro il terrorismo” in Medio Oriente.
L’anomalia Trump sta per essere “digerita” dall’establishment cui pretendeva di opporsi: si veda l’esclusione dal consiglio di sicurezza nazionale dell’ideologo parafascista Steve Bannon.
E’ possibile, insomma, che da una amministrazione accusata di essere “filorussa” possa venire una vera e propria guerra contro la Russia perché le aree in cui Washington e Mosca si fronteggiano direttamente stanno diventando sempre più calde. Si pensi a quello che poteva succedere se, per errore, un Cruise avesse colpito un caccia russo negli hangar di Shayrat!
Noi, “popolo della pace”, non possiamo starcene con le mani in mano mentre infuria la “guerra mondiale a pezzetti” (copyright papa Francesco), aumentando il rischio sottostante di una catastrofica guerra nucleare. Dobbiamo esercitare i nostri diritti costituzionali ed umani, ripudiando la guerra mediante la riproposizione di una soluzione ragionevole: esigendo allo stesso tempo la dissociazione dell’Italia e dell’Europa dall’interventismo militare bellico nel Mediterraneo ed in Medio Oriente; così come dalla deterrenza nucleare NATO.
La poltica di pace deve fondarsi su una grande conversione energetica ed ecologica, che coinvolga gli attori oggi in conflitto nel lavoro comune per attuare l’accordo di Parigi sul clima, quello da cui Trump sta cercando di far recedere gli USA.
Mettiamola ancora sull’ironico: non dimentichiamo che, se continuiamo a pestarci per motivi identitari legati a giochi di piccolo o grande potere, per il controllo di fonti energetiche da cui l’Umanità intera ha deciso ufficialmente di fuoriuscire, il nostro destino sarà, per la scienza ufficiale e non per il mago Otelma, di finire tutti, donne e uomini di qualsiasi colore, religione, nazione, in senso proprio, a mollo!

Alfonso Navarra

Lascia un commento