Consumo energia elettrica

Links ai migliori siti per vedere il consumo di energia elettrica in tempo reali in diversi paesi europei.

ITALIA

FRANCIA

GRAN BRETAGNA

 

IN ITALIA IL NUCLEARE NON SERVE

Nel solo anno 2010, con il solo fotovoltaico (senza contare dunque le altre fonti rinnovabili) è stata installata una potenza pari a circa 6-7 GWp (dai da confermare ufficialmente dal GSE dopo il 30 giugno).

Una centrale nucleare EPR francese ha una potenza di 1,6 GW (Gigawatt). Lavora “quasi” 24 ore (tolte un po’ di ore di fermo per eventuali manutenzioni o guasti).

Quindi 1,6 GW * circa 8500 h / anno = 13,6 TWh / anno (energia prodotta).

Il fotovoltaico come è noto non produce energia 24 ore al giorno, ma solo quando c’è il sole. Assumendo che le ore equivalenti di produzione in Italia stiano intorno ai 1200 – 1300 kWh ottenuti per ogni kWp installato (sto mediando tra sud e nord Italia, dove ovviamente ci sono  condizioni di irraggiamento diverse), con la potenza installata si produce un’energia pari a 1250 * 6,5 GWp = 8,1 TWh / anno, cioé circa il 60% dell’energia che produrrebbe una centrale nucleare EPR (che è una “grande centrale”; le centrali nucleari esistenti sono molto più piccole, in genere non superano il GW).

Se nei prossimi 10 anni si continuasse ad installare il fotovoltaico con lo stesso ritmo si realizzerebbe una capacità produttiva in grado di erogare l’energia di 6 centrali nucleari.

E la costruzione della prima centrale nucleare probabilmente non sarebbe ancora finita (ammesso che in dieci anni si riesca a costruire una centrale nucleare in Italia, con tutte le opposizioni che ci sarebbero).

Quindi dal punto di vista del fabbisogno energetico, il nucleare non è un “male necessario”. Se ne può fare assolutamente a meno.

Trasformando le cifre dette in percentuali del fabbisogno italiano:

Fabbisogno elettrico italiano, in termini di Potenza (picco storico del 2007): 56,8 GW

Fabbisogno elettrico italiano, in termini di Energia (2009): 337,6 TWh/anno

a breve aggiornamento con dati 2016