Congo: l’emblema dello sfruttamento del pianeta. Prospettive per l’umanità

Congo: l’emblema dello sfruttamento del pianeta. Prospettive per l’umanità

Evento Facebook in collaborazione con ChiAmaMilano

https://www.facebook.com/events/1007352676672612/?ref=newsfeed

Congo: l’emblema dello sfruttamento del pianeta. Prospettive per l’umanità
sabato 10 Luglio 2021 ore 18

Con Alex Zanotelli – comboniano attivista
Chiara Castellani – chirurgo di guerra in Congo
Laura Tussi – giornalista
Fabrizio Cracolici – Anpi
Alessandro Marescotti – Presidente PeaceLink
Alfonso Navarra – giornalista antinuclearista
Musica per l’umanità di Marco Chiavistrelli e Renato Franchi.

 

Dall’intervista di Laura Tussi a Chiara Castellani “Chiara Castellani incontra Papa Francesco”:

 

Considerate le importanti e forti prese di posizione di Papa Francesco relative ai temi della pace, dell’ambiente, del disarmo nucleare, della giustizia sociale, prova tu Chiara Castellani a raccontarci questo importante incontro.

Grazie Laura per avermi posto questa complessa domanda. Questa è la mia battaglia di una intera vita! Ed è vero che in tutti questi temi che hanno ispirato 40 anni di professione e di quella che chiamerò “militanza missionaria” mi sono trovata finalmente, da credente”della sinistra ecumenica” in Sintonia totale con Papa Francesco.

Pace: perché non c’é pace in Congo? “Una guerra inventata” dice la mia collega e amica Suzanne Diku. La guerra all’Est del Congo è stata creata ad arte, spacciata per guerra civile ed etnica dagli interessi delle transnazionali. Perché è in realtà una guerra “economica” dove 5 milioni di morti quasi esclusivamente civili sono stati il prezzo incommensurabile per estrarre a costi infimi, saccheggiare e sfruttare le materie prime. La guerra del contrabbando del coltan, della bauxite e del cobalto. Per produrre a prezzo irrisorio i telefonini e le auto elettriche e poi commercializzarle a prezzi decine di volte più alti, con guadagni scandalosi.

Ambiente:  Auto elettriche le considerano auto ecologiche ma… con enormi costi ecologici e umani per il Congo. Perché quel giovane, spesso ancora bambino, quel piccolo schiavo che minacciato da un militare di un cosiddetto “esercito di liberazione” armato e senza scrupoli nell’uccidere, estrae materiali altamente radioattivi con le mani nude… se non morirà ora ucciso da un’arma da fuoco, da un machete o cadendo in un cunicolo, morirà fra qualche anno di una leucemia o di un carcinoma. Poi se muore un italiano tutti si stracciano le vesti. Quell’Italiano aveva denunciato le miniere a cielo scoperto e i bambini minatori-schiavi.
Intanto il parco Virunga naturale diventa teatro di massacri. E dove muoiono esseri umani, sempre civili, chi può aver pietà di elefanti e gorilla, specie a rischio di estinzione che un Paese che non sa difendere i propri cittadini né un Ambasciatore straniero ancor meno saprà difendere i suoi animali?

Disarmo nucleare. Dove sono le riserve mondiali dell’uranio? In Congo!

Da dove è uscito l’uranio di Hiroshima? Dal Congo. Il Congo va balcanizzato per questo? Temo che sia questo il vero disegno delle grandi potenze, quel disegno criminale di cui tutti siamo complici e che Luca, fotografando le fosse comuni di cadaveri decapitati di civili, voleva denunciare. Luca era un documentarista, ma troppo scomodo per chi vuole “balcanizzare” il Congo per saccheggiarlo meglio.

Giustizia sociale. Per molti anni il titolo delle mie conferenze è stato “non c’é solidarietà senza giustizia”. Finché un’amica sindacalista dei sem tierra mi ha “completato” dicendo “non c’é
solidarietà senza reciprocità. Anche Paolo VI diceva “non si può dare per carità ciò che si deve per giustizia”. Giustizia sociale e distributiva in un Paese dove un 5% straricco domina un 70% che vive sotto la soglia di povertà.

Ma Papa Francesco è andato oltre la giustizia e il diritto parlando di “promozione umana integrale” e indirizzandomi al Dicastero che lui stesso fondò “motu proprio” nel 2016. Sto preparando quel nuovo incontro. Voluto da lui, da Papa Francesco.

 

 

Lascia un commento