Mimmo Lucano a Palazzo Reale di Milano

L’evento ha visto il coordinamento di Vittorio Agnoletto e la partecipazione di Moni Ovadia

Mimmo Lucano a Palazzo Reale di Milano

La presentazione del libro “Riace. Musica per l’Umanità” è stata per Milano un evento molto partecipato e la città ha dato una risposta positiva all’iniziativa: più di 700 persone in sala

L’evento ha visto il coordinamento di Vittorio Agnoletto e la partecipazione di Moni Ovadia

Con Mimmo Lucano, Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto e tutti noi a Milano a Palazzo Reale

Mimmo Lucano a Palazzo Reale di Milano 

 

La presentazione del libro Riace musica per l’umanità è stata per Milano un evento molto partecipato e la città ha dato una risposta positiva all’incontro: più di 700 persone in sala. L’evento ha visto il coordinamento di Vittorio Agnoletto che sapientemente ha saputo gestire tutte le testimonianze.

Dopo i saluti istituzionali del consigliere Basilio Rizzo di Milano in Comune, è intervenuto Fabrizio Cracolici, spiegando le motivazioni della realizzazione di questo libro. Ha portato un appello alla comune umanità partendo dall’esempio dei nostri grandi maestri di vita.

Successivamente Laura Tussi ha esaminato e sviluppato il contenuto del libro contestualizzandolo nell’ambito delle comuni lotte sociali.

Giovanna Procacci Presidente del Comitato 11 giugno di Milano, che segue personalmente le fasi del processo a Mimmo Lucano, ha spiegato cosa sta succedendo.

Con Mimmo Lucano a Milano

Successivamente Alfonso Navarra ha spiegato l’importanza di unire le lotte sui diritti umani a quelle per la salvaguardia dell’ambiente, del clima e per la sicurezza del pianeta contro il rischio di guerre nucleari.

Vittorio Agnoletto ha fatto un Excursus storico sul diritto alla mobilità dell’uomo.

E poi è stato il momento della testimonianza di Mimmo lucano.

È stato un fiume in piena: con grande umanità e grande trasparenza da una persona che sta dedicando la sua esistenza a una causa comune come quella del diritto alla vita di chi fugge dalle guerre per cercare un riscatto.

L’iniziativa è stata chiusa dall’intervento di Moni Ovadia che ha stimolato tutti ad un impegno collettivo.

Gli interventi sono stati intervallati dalla musica d’impegno di Renato Franchi, Gianfranco D’Adda e Dan Shim Sara Galasso – Orchestrina del suonatore Jones.

Mimmo Lucano è con noi a Milano

Per l’intera durata dell’incontro Giulio Peranzoni ha disegnato in live i temi affrontati in questa presentazione.

Possiamo dire che questo evento di Milano inaugura e presenta in prima assoluta un libro che sarà un mezzo a sostegno di una causa e per il bene comune.

Durante questo incontro Mimesis Edizioni ha aperto una sottoscrizione a sostegno della fondazione Riace – è stato il vento e ha donato a tutti i contribuenti il libro.

Diretta streaming:

https://www.facebook.com/MilanoInComuneSinistraCostituzione/videos/527369151147577/

 

Articoli correlati

  • Tempi di Fraternità - Riace. Musica per l'Umanità

    CULTURA
    Tempi di Fraternità presenta la Recensione

    Tempi di Fraternità – Riace. Musica per l’Umanità

    La vicenda Riace, è quella di un Sindaco che per avere creato progetti concreti di interazione e di lavoro con i migranti e per aver salvato persone, vite umane, è stato messo in croce dalla giustizia come un delinquente
    5 gennaio 2020 – Danilo Minisini, Tempi di Fraternità
  • Riace. Musica per l'Umanità

    CULTURA
    Pressenza

    Riace. Musica per l’Umanità

    In tempi di strenne, non sarebbe male ricordare un libriccino utile curato da Laura Tussi e Fabrizio Cracolici sulla vicenda Riace “Riace, musica per l’umanità” uscito quest’anno per i tipi della Mimesis
    29 dicembre 2019 – Olivier Turquet
  • L'uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere

    CULTURA
    Movimento dal sottosuolo con Arci Cazzago San Martinoe Anpi zona Franciacorta presentano:

    L’uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere

    Spettacolo-Azione di supporto al sindaco di Riace Mimmo Lucano. Testi e musiche di disobbedienza civile e politica. Con il libro RIACE. MUSICA PER L’UMANITA’, MIMESIS EDIZIONI a cura di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
    29 novembre 2019 – Laura Tussi
  • Siria, Mimmo Lucano: ''Sono triste per i curdi: è grazie a loro che è iniziato il modello Riace''

    MIGRANTI
    Evento di sabato 19 ottobre 2019

    Siria, Mimmo Lucano: ”Sono triste per i curdi: è grazie a loro che è iniziato il modello Riace”

    A dirlo, a margine di un convegno a Milano per la presentazione del libro “Riace, Musica per l’Umanità”, è l’ex sindaco del comune calabrese Mimmo Lucano, soprannominato da allora “Mimmo dei curdi”
    12 novembre 2019 – Antonio Nasso

La proposta di un patto antinucleare tra disarmisti e ecologisti

Incontro alla casa delle Associazioni di Milano

La proposta di un patto antinucleare tra disarmisti e ecologisti

Per un green new deal che inglobi il modello Riace. Con i messaggi di Moni Ovadia e Alex Zanotelli contro il nucleare civile e militare

Report dell'incontro

Report:

Il portavoce dei Disarmisti esigenti (membri della Rete ICAN, Premio Nobel per la pace 2017), Alfonso Navarra, in un incontro alla Casa delle Associazioni di Milano, ha posto il problema della ambigua posizione antinucleare dei nuovi movimenti ecologisti, prendendo spunto dalla testimonianza della sua partecipazione diretta alla manifestazione del 3 dicembre a Londra contro il vertice del 70ennale della NATO.

XR – Extinction Rebellion: protesta forte e comunicativa

Navarra aveva risposto ad un appello di XR PEACE inglese che chiedeva attivisti dall’Italia di XR disposti a farsi arrestare nella contestazione nonviolenta del 3 dicembre, per rendere forte e comunicativa la protesta.

Il movimento XR Peace per il disarmo nucleare ha come coordinatrice Angie Zelder che presenta all’attivo un curriculum di ben 100 arresti in seguito ad azioni dirette nonviolente. Quasi tutti gli attivisti di XR Peace sono reduci dalle battaglie a livello europeo degli anni 1980 per lo smantellamento degli euromissili nucleari (in Italia Comiso). Gli attivisti di Comiso e di XR Peace sono i ribelli all’estinzione dell’umanità e come nuovi partigiani hanno fatto una scelta di vita con  conseguenze e responsabilità imprescindibili in chi sostiene coerentemente cause di importanza vitale.

XR e il rifiuto del possibilismo filonuclearista

I pacifisti di XR a livello internazionale cominciano ad acquisire e recepire le istanze del rifiuto del possibilismo nucleare che Fridays For Future per il momento esprime e conferma con le dichiarazioni di Greta Thunberg e che ora parte della base (si vedano i Fridays for Peace di Trieste) sta cercando di superare evitando i tentativi di strumentalizzazione da parte della lobby del nucleare.

Navarra ha annunciato che sulle orme della XR PEACE inglese si costituirà in Italia XR PACE e che sua missione specifica sarà incardinare l’emergenza nucleare nel movimento che si batte per l’emergenza climatica, di modo che si comprenda che è il loro intreccio a dover essere affrontato per orientare l’intera società alla pace verso la Natura, condizione per la giustizia sociale.

La NATO non muore mai anche se cerebrolesa

Macron sostiene che la Nato è in uno stato di morte cerebrale, ma in realtà si è deciso, durante il vertice di Londra, un aumento delle spese militari davvero considerevole e spaventoso (100 miliardi di euro all’anno per i Paesi europei). La riconversione ecologica e il cosiddetto Green New Deal non contemplano, a giudizio di Navarra, il sistema militare perché esso ruba investimenti alla green economy, contrariamente a quanto deciso nel vertice Nato. Le riunioni del Consiglio europeo appena svoltesi prevedono fasi transitorie con mezzi che non sono in grado di risolvere e fermare i mutamenti climatici perché vedono la possibilità che l’energia nucleare sia finanziabile: vedono il nucleare e il gas utili per la transizione ecologica. La linea dell’Unione Europea è che il nucleare non sia propriamente sostenibile, ma utile per la transizione.

Conferenza stampa a Roma con i messaggi di Moni Ovadia e Alex Zanotelli

La conferenza stampa di Roma del 18 dicembre 2019, organizzata dai Disarmisti esigenti, da Accademia Kronos e dalla WILPF, con i messaggi di Moni Ovadia e Alex Zanotelli,  ha proposto una mobilitazione per un Green New Deal dove il nucleare sia abolito come soluzione.

Si continua a cercare il dialogo con i movimenti giovanili per proporre questa consapevolezza antinucleare, un patto antinucleare di ecologisti e disarmisti. Il nucleare dal punto di vista sociale è una fonte energetica molto centralizzata e sotto il controllo delle lobby e delle multinazionali. Con i governi parafascisti e sovranisti e il “cattivismo” dilagante non è possibile rispondere da buonisti per risolvere il problema di fondo in quanto il sistema di globalizzazione mondiale ha eroso il welfare e i diritti universali. A questa deriva di crisi strutturale che disorienta e spaventa i settori popolari dobbiamo rispondere con la tutela dei beni comuni e pubblici come il welfare universalistico per l’accoglienza dei migranti, con la green economy, per modelli universalistici di sviluppo internazionale, in vista di una innovativa riconversione ecologica dove la cittadinanza attiva e globale sia protagonista.

Per un’innovativa riconversione ecologica

Un’innovativa riconversione ecologica che porti alla piena occupazione, per la cui attuazione occorre il risparmio sia delle spese militari, sia dei sussidi ambientalmente dannosi al petrolio e alle grandi opere inutili e nocive che vedono il formarsi di movimenti a loro contrasto come i notav, i nomuos, i notriv, i noilva eccetera. Per una autentica conversione ecologica occorrono regole e infrastrutture pubbliche e grandi investimenti per una diversa mobilità e uno stato sociale universalistico che comprenda la solidarietà con i migranti, come una serie importante di azioni congiunte.

Per un green new deal che inglobi il modello Riace

Riace. Musica per l'Umanità

E’ quindi intervenuto Fabrizio Cracolici presentando il libro edito dalla Mimesis edizioni, “Riace. Musica per l’Umanità”.

Il cosiddetto mondo occidentale moderno e progressista, ha sottolineato Cracolici,  ha colonizzato e sfruttato i territori da cui partono le grandi migrazioni forzate, al fine di detenere il potere e il controllo sulle risorse come il gas, il petrolio, il coltan. Le persone fuggono dalle guerre innescate dallo sfruttamento e dall’estrazione di coltan, petrolio e gas per alimentare l’industria occidentale. Il vero problema è il sistema occidentale che crea disperazione in altri paesi con le grandi migrazioni non solo dall’Africa, ma anche dall’Italia in altre nazioni e continenti: i cosiddetti migranti economici che non sono un problema, ma una risorsa. I governi parafascisti vogliono far concepire un pericolo le migrazioni perché vogliono mettere contro gli ultimi e i più deboli per continuare a sfruttarli.

Riace: un altro mondo è possibile

Riace è un luogo di speranza dove si sviluppano processi che verranno esportati in tutto il mondo. È una grande visione della vita comprendere che le migrazioni possono nascere da uno slancio di umanità volto all’alternativa a questo sistema di potere che impone di sbilanciare il pianeta con poche persone molto ricche e molte persone molto povere. Riace è un modello contestualizzato e al contempo internazionale che ben si compenetra con le lotte di emancipazione che si stanno svolgendo a livello planetario: infatti la nostra comune umanità propone azioni concrete per il bene comune dell’accoglienza nel rispettare l’altro, il fratello, le persone migranti “portate dal vento” che sono una risorsa per tutta l’umanità.

Messaggio di Moni Ovadia:

Buongiorno sono Moni Ovadia, avrei voluto essere presente di persona a un incontro come quello di oggi che viene tenuto in una sede istituzionale e che affronta temi di decisiva importanza per il nostro presente e il nostro futuro. La questione ecologica e quella del disarmo nucleare sono intrinsecamente connesse perché entrambe attengono alla sopravvivenza dell’umanità e della vita stessa su questo pianeta. E’ a mio parere una assoluta priorità affrontare i temi in discussione ponendoli in testa alle agende politiche di chi governa e di chi legifera. E’ la politique politicienne che deve passare in secondo piano. le istituzioni devono accogliere le sollecitazioni e le richieste che vengono dal basso attraverso ininterrotte mobilitazioni. Devono farlo non con parole retoriche o dichiarazioni di buona volontà ma con fatti precisi. Stupisce per questo la decisione europea di accogliere il nucleare come alternativa al fossile. Il nucleare non è una alternativa come provato ampiamente dalle catastrofi di Chernobyl e Fukushima. Questa volta non si tratta di congiunture da superare, ma di inaugurare un’altra epoca, quella della centralità della vita.

Messaggio di Alex Zanotelli:

Buongiorno sono Alex Zanotelli. Sull’App di Papa Francesco, lui chiede preghiere per la fine dell’era nucleare. Chiaramente Francesco ha in mente il nucleare militare. Infatti a Nagasaki è stato durissimo su questo punto. È il Papa che è stato il più duro di tutti gli altri anche del concilio Vaticano secondo, dicendo che il possesso di armi nucleari è immorale e criminale e che una protezione di una nazione e del mondo con armi nucleari è criminale. È un insegnamento estremamente significativo questo. È il più avanzato della Chiesa cattolica e ne siamo grati a Francesco. Ma dobbiamo ricordare che il Papa sta parlando del nucleare non solo militare. Ma è talmente ovvio che il nucleare civile è essenzialmente legato al nucleare militare e che i due sono fortemente interconnessi. Per cui ritengo estremamente grave che molti, nel movimento che sta lottando per salvare il pianeta, pensano che una delle soluzioni energetiche sia quella di ottenere l’energia anche tramite il nucleare civile. Non lo possiamo assolutamente accettare. L’Italia è stata chiara. Nel referendum, il popolo italiano ho detto no al nucleare civile. Noi come popolo italiano abbiamo detto la nostra. Ma dovrebbe essere ormai chiaro. E mi auguro che si faccia chiarezza anche a livello di Chiesa. E’ doveroso che la chiesa anche in Italia e tramite il Papa anche nel mondo si esprima contro il nucleare, perché è un pericolo. È un pericolo in tutti i sensi. Quello che ci attende sono situazioni catastrofiche climatiche. E allora siamo certi che sono così sicuri tutti questi impianti nucleari civili? abbiamo visto quello che è successo a Fukushima in Giappone. Non possiamo vedere altre Fukushima in giro per il mondo con tutto quello che questo significa e comporta in un momento di degrado climatico come quello attuale. Quindi è fondamentale dire no all’unione europea perché si sta aprendo al nucleare civile. L’Unione Europea non può fare questo passo. È davvero grave. Quindi auguro a tutti che questa conferenza stampa e questo nostro impegno di militanti contro il nucleare militare, diventi anche impegno contro il nucleare civile perché i due sono profondamente interconnessi e legati. E non sono una soluzione per il futuro che ci attende. Un futuro che sarà fortemente minacciato da grandi cambiamenti climatici. Auguro un buon lavoro a tutti voi attivisti contro il nucleare.

Articoli correlati

  • Tempi di Fraternità - Riace. Musica per l'Umanità

    CULTURA
    Tempi di Fraternità presenta la Recensione

    Tempi di Fraternità – Riace. Musica per l’Umanità

    La vicenda Riace, è quella di un Sindaco che per avere creato progetti concreti di interazione e di lavoro con i migranti e per aver salvato persone, vite umane, è stato messo in croce dalla giustizia come un delinquente
    5 gennaio 2020 – Danilo Minisini, Tempi di Fraternità
  • Riace. Musica per l'Umanità

    CULTURA
    Pressenza

    Riace. Musica per l’Umanità

    In tempi di strenne, non sarebbe male ricordare un libriccino utile curato da Laura Tussi e Fabrizio Cracolici sulla vicenda Riace “Riace, musica per l’umanità” uscito quest’anno per i tipi della Mimesis
    29 dicembre 2019 – Olivier Turquet
  • L'uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere

    CULTURA
    Movimento dal sottosuolo con Arci Cazzago San Martinoe Anpi zona Franciacorta presentano:

    L’uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere

    Spettacolo-Azione di supporto al sindaco di Riace Mimmo Lucano. Testi e musiche di disobbedienza civile e politica. Con il libro RIACE. MUSICA PER L’UMANITA’, MIMESIS EDIZIONI a cura di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
    29 novembre 2019 – Laura Tussi
  • Siria, Mimmo Lucano: ''Sono triste per i curdi: è grazie a loro che è iniziato il modello Riace''

    MIGRANTI
    Evento di sabato 19 ottobre 2019

    Siria, Mimmo Lucano: ”Sono triste per i curdi: è grazie a loro che è iniziato il modello Riace”

    A dirlo, a margine di un convegno a Milano per la presentazione del libro “Riace, Musica per l’Umanità”, è l’ex sindaco del comune calabrese Mimmo Lucano, soprannominato da allora “Mimmo dei curdi”
    12 novembre 2019 – Antonio Nasso

Voci dall’attivismo mondiale di pace

Trailer della Campagna “Siamo tutti premi nobel per la pace con Ican”

Voci dall’attivismo mondiale di pace

Appello congiunto di Moni Ovadia, Alfonso Navarra, Alex Zanotelli, Laura Tussi, Luigi Ciotti, Fabrizio Cracolici, Vittorio Agnoletto

Voci dall’attivismo globale di pace

Appello congiunto di Moni Ovadia, Alfonso Navarra, Alex Zanotelli, Laura Tussi, Luigi Ciotti, Fabrizio Cracolici, Vittorio Agnoletto.

Trailer della Campagna “Siamo tutti premi nobel per la pace con Ican”: interventi dei relatori in ordine di comparizione nel filmato

 

A cura di Fabrizio Cracolici, Alfonso Navarra, Laura Tussi

 

Sono Moni Ovadia e sostengo ICAN (International Campaign to abolish nuclear weapons) campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari. A ICAN è stato conferito il premio Nobel per l’importanza del suo magistero di pace. Premio Nobel per la pace. Diventiamo tutti insieme a ICAN attivisti di pace, donne e uomini di pace. La questione in campo è assoluta: è la questione della vita. La differenza fra chi combatte per l’abolizione delle armi nucleari e chi invece non fa nulla e è indifferente, è il discrimine per chi vuole stare dalla parte della vita e chi invece accetta l’abbraccio della morte come condizione di esistenza. Dunque sostenete questa campagna: diventate attivisti della vita e non è difficile capire che cosa è in gioco. Siamo in gioco noi, ma sono in gioco i nostri figli, i nostri nipoti e i nostri pronipoti. Cominciamo dall’abolizione delle armi nucleari perché un giorno ci sia l’abolizione totale delle armi. di Moni Ovadia

 

Sono Alfonso Navarra dell’associazione Disarmisti Esigenti. “Svuotiamo gli arsenali, riempiamo i granai” questo motto lo dobbiamo al nostro grande presidente partigiano Sandro Pertini che, sicuramente, fosse ancora vivo, avrebbe gioito della notizia che il mondo sta per proibire le armi nucleari: con l’adozione di un trattato di proibizione delle armi nucleari nella conferenza Onu del 7 luglio 2017. Questo voto di 122 nazioni richiede un processo di ratifica. Questo trattato entrerà in vigore il giorno in cui il cinquantesimo stato avrà ratificato il testo del trattato Onu che è stato dovuto soprattutto alla spinta organizzativa della società civile internazionale che si è aggregata intorno alla campagna internazionale per l’abolizione degli armi necleari ICAN. ICAN in virtù di questo contributo nel 2017 ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace. Quando questo premio Nobel per la Pace è stato ritirato a Oslo, la direttrice esecutiva della campagna ha riconosciuto che si tratta di un riconoscimento dovuto all’impegno antinucleare di tutti gli attivisti del mondo. E è stato fatto un invito a unire e allargare le forze per passare da questa proibizione delle armi nucleari con cui l’Italia deve essere tra i promotori che hanno già ratificato il trattato ONU. di Alfonso Navarra

Voci dall'attivismo globale di pace

Sono padre Alex Zanotelli missionario comboniano. Sono profondamente solidale con ICAN che ha ricevuto il premio Nobel per la pace per questa campagna per l’abolizione delle armi nucleari. Sono contro tutte le armi nucleari prima di tutto come credente nel Dio della vita che mi porta a impegnarmi contro ogni forma di morte e l’atomica è uno strumento di morte: di morte globale. Inoltre come missionario sono contro le armi nucleari, perché le armi nucleari proteggono la profonda ingiustizia, proteggono quel 10 per cento della popolazione mondiale che oggi consuma il 90 per cento dei beni di questo mondo. Non posso sopportare e accettare un disordine del genere. Ecco perché ritengo fondamentale questa campagna e chiedo che l’Italia ratifichi finalmente il trattato ONU per l’abolizione delle armi nucleari. di Alex Zanotelli

 

Buonasera sono Laura Tussi faccio parte dell’associazione ecopacifista PeaceLink – telematica per la pace e sono promotrice e portavoce dell’associazione Disarmisti Esigenti – associazioni affiliate a ICAN – e per questo faccio parte della rete internazionale ICAN per il disarmo nucleare universale che è stata insignita Premio Nobel per la Pace 2017 per promuovere il progetto storico del diritto internazionale: l’abolizione degli ordini di distruzione di massa nucleari. Il governo italiano non ho ancora approvato e ratificato il trattato ONU del 7 luglio 2017 che è valso il Premio Nobel per la Pace e che è stato approvato a New York a palazzo di vetro con 122 nazioni e con la società civile organizzata in ICAN. Il trattato ONU del 7 luglio 2017 supera il vecchio TNP trattato di non proliferazione delle armi nucleari che legittima il nucleare per alcuni Stati e superpotenze e approva invece l’innovativo TPAN il trattato per l’abolizione degli ordigni nucleari. di Laura Tussi

 

Ciao sono Luigi Ciotti di Libera e del Gruppo Abele e sostengo anch’io la campagna “Siamo tutti premi Nobel per la Pace con ICAN” per l’abolizione delle armi nucleari e la sostengo con convinzione oggi più che mai perchè tocchiamo con mano tanti conflitti e tante guerre. Sono 47 ufficialmente i Paesi coinvolti in questi conflitti. Sono migliaia le armi nucleari operative. Sono milioni i profughi: si parla del 90/95% la percentuale di civili fra le vittime. Il doppio delle precedenti guerre mondiali. Sono circa 357 milioni i bambini – uno su sei – che vivono attualmente in zone colpite da conflitti, esattamente 75% in più rispetto a 25 anni fa. Allora perché l’Occidente continua ad ignorare, quando non a favorire, guerre feroci che trasformano tanti Paesi in un mattatoio e in uno scenario niente affatto di Pace e poi in gran parte taciuto e ignorato e censurato data l’enormità degli interessi in gioco? Credo che si debba dire vergogna alla spesa militare mondiale. L’anno scorso ha toccato una cifra impressionante: 1.739 – dato ufficiale – miliardi di dollari. E’ una vergogna. L’Italia occupa l’ottavo posto nell’esportazione di armi. Armi che vende anche a Paesi colpevoli di gravi violazioni dei diritti umani in deroga ha una legge che metteva i paletti: la legge 185 del 1990. Aspetto più indecente del problema allora la commistione tra le guerre e l’economia del profitto. Guerre combattute con armi, ma anche con armi economiche: per questo l’abolizione delle guerre e delle armi deve passare per la costruzione di giustizia, di un nuovo rinnovamento culturale, ma deve tutto questo calarsi in un più ampio discorso di promozione dei diritti umani, sociali e civili e nell’impegno per la dignità e la libertà delle persone. Dobbiamo ripartire per costruire la pace, consapevoli di dover procedere uniti, perché solo insieme, il desiderio di cambiamento diventa forza di cambiamento. di Luigi Ciotti

 

Sono Fabrizio Cracolici, Presidente ANPI Associazione Nazionale Partigiani d’Italia della sezione Emilio Bacio Capuzzo di Nova Milanese. Anch’io sostengo ICAN campagna per il disarmo nucleare universale che ha ottenuto il Premio Nobel per la Pace per il suo impegno sul grande tema di importanza fondamentale che è quello dell’abolizione degli ordigni nucleari e del disarmo nucleare universale. Oggi assistiamo a un imbarbarimento e a una continua presa di forza nei confronti dei più deboli, dei più diseredati e la prepotenza del potere sta sempre più contrastando i diritti di ogni cittadino. Per questo noi oggi siamo qui a testimoniare a sostegno di una campagna internazionale per il disarmo nucleare. Noi facciamo questo perché non vogliamo più che avvengano quegli eventi orribili avvenuti in passato e prima fra tutti la seconda guerra mondiale e poi il fascismo e il nazismo che hanno portato all’umanità odio, distruzione e morte e proprio per questo noi oggi contrastiamo chi vuole, con la deterrenza delle armi nucleari, imporre il terrore nel mondo. di Fabrizio Cracolici

 

Sono Vittorio Agnoletto e sostengo la campagna ICAN contro le armi nucleari. Credo che aver ottenuto il Premio Nobel per la Pace sia stato un risultato importantissimo, intanto perché si è dimostrato che anche nell’epoca della globalizzazione grandi movimenti sociali universali organizzati in tutto il mondo possono ottenere un risultato. Un risultato importante perché è in discussione il futuro dell’umanità. E noi italiani abbiamo anche obiettivi molto concreti. Primo: far si’ che l’Italia ratifica il trattato ONU. Secondo: ottenere che sul nostro territorio non vi sia più nessun ordigno nucleare e invece abbiamo ordigni nucleari della NATO e degli Stati Uniti. Terzo: uscire dalla Nato che è un’alleanza puramente offensiva.

Ma essere contro le armi nucleari significa anche prima di tutto battersi per la pace e noi sappiamo che non ci può essere pace senza giustizia sociale e sappiamo che si comincia a costruire la pace lavorando con i bambini, con i ragazzi, facendo formazione e educazione nelle scuole, formazione alla multiculturalità, formazione alla solidarietà e formazione ai grandi valori della vita, perché non dimentichiamo che la terra è il più grande bene comune di cui noi disponiamo. di Vittorio Agnoletto